Mindfulness

Se digiti “mindfulness” su un motore di ricerca e cerchi le immagini, tra le prime trovi questa.
Perché è rappresentativa della parola mindfulness? Perché significa portare attenzione in modo consapevole e non giudicante. A cosa? Al momento presente. Chi pratica mindfulness regolarmente scoprirà ben presto di aver fatto propria questa capacità di riportare l’attenzione al momento presente. Ed in cosa può esserci utile? Nel goderci ogni attimo della nostra preziosa vita: l’ambiente che ci circonda, le persone che ci stanno accanto, le difficoltà e le sofferenze che ci cambiano e ci fanno crescere…

È una tecnica che deriva dalla meditazione, ma non ha lo scopo di farci divenire asceti.

La mindfulness è uno stato mentale, definita come “una modalità dell’essere, non orientata a scopi, il cui focus è il permettere al presente di essere com’è e di permettere a noi di essere, semplicemente, in questo presente” (Teasdale), che può essere coltivata attraverso particolari tecniche.

Attraverso la pratica ci si apre alla conoscenza e alla comprensione profonda del funzionamento della mente stessa. Si diviene più consapevoli dei propri pensieri e delle proprie emozioni. Come dice John Kabat-Zinn, primo a diffondere la mindfulness in ambito scientifico, “E’ stupefacente quanto sia liberatorio l’essere capaci di vedere che i tuoi pensieri sono solo pensieri e che non sono “te stesso” o “la realtà”… il semplice atto di riconoscere i tuoi pensieri come pensieri, può renderti libero dalla realtà distorta che essi spesso creano e genera un maggior senso di chiarezza e di padronanza sulla tua vita”.

Immaginate quanto possa essere liberatorio vedere i nostri pensieri tali, senza lasciarci sopraffare, quando tendiamo a rimuginare sul passato o a preoccuparci per quello che sarà.

Non è facile rendere a parole ciò che si riferisce innanzitutto ad un’esperienza vissuta, a uno stato mentale, ad uno stato di coscienza.
Proprio per tale motivo, cioè per favorire una comprensione diretta attraverso l’esperienza, propongo degli “Incontri di mindfulenss e tecniche di rilassamento” nei quali è possibile sperimentare diverse tecniche per comprendere quale è più affine a noi.

Inoltre da gennaio 2019 saranno attivati i due interventi basati sulla mindfulness:
MBSR – Programma per la riduzione dello stress basato sulla mindfulness
-MBCT

Scopri i gruppi in partenza!

Ti può interessare:

Come gestire lo stress?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *